2018 - Unione News - unione no profit società e salute news | unionenoprofit

Unione Associazione No Profit News

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

LA CORSA VERSO LE ELEZIONI. QUALI LE PRIORITÀ?

Pubblicato da in Editoriali ·
Tags: elezioni2018programmidisabilitàdisabilipensione
Passo dopo passo, tra polemiche, polveroni, grandi promesse e attraenti bugie, ci avviciniamo al 4 marzo, una data che potrebbe cambiare le sorti dell’Italia, oppure semplicemente dettare il ripetersi di cattivi costumi a cui ormai, ahimè, ci stiamo rassegnando.
Si propongono le liste, si presentano i candidati, si discutono i programmi, si propone di abbassare le tasse, di difendere gli animali, ecc ecc ecc... allora cosa si deve ancora fare? Si deve parlare di disabilità, questa amica sconosciuta, per cui si fa tanto pietismo nelle iniziative ufficiali quando ci si ritrova sotto i riflettori, ma che subito dopo viene messa da parte come fosse un problema ristretto, solo altrui.
Forse dovremmo essere un po’ tutti disabili per comprendere quanto sia triste non sentirne parlare, non sentire proposte valide e sensate volte ad un miglioramento della qualità di vita di chi non è autonomo. Forse dovremmo essere un po’ tutti disabili per capire che 280 € al mese di pensione di invalidità civile non bastano nemmeno per le spese dell’assistenza; che non poter accedere ai giusti ausili, che eppure ci sono, per mancanza di disponibilità economica, è disarmante e limitante; che la riabilitazione e l’abilitazione fanno parte del diritto alla salute, mentre nella realtà come nel caso della riabilitazione visiva rimangono spesso un fatto incompiuto; che esistono delle leggi sull’accessibilità che devono essere rispettate perchè anche i disabili hanno il sacro santo diritto di viaggiare e muorersi senza incontrare ostacoli in ogni dove. Forse dovremmo essere un po’ tutti disabili per comprendere l’importanza del ruolo del caregiver familiare, della persona da cui spesso si dipende e che deve essere pertanto valorizzata, riconosciuta e tutelata anche a livello previdenziale perchè mette da parte la propria vita per quella del proprio familiare. La Legge sul Dopo di Noi poteva essere un grande passo in avanti, ma in realtà ha rappresentato soltanto una grande ambivalenza tanto da essere più volte definita “una legge per i ricchi”.
Eppure non si può dire che i rappresentanti dei disabili non ci siano nei vari partiti. Ma avete mai visto un loro intervento, una loro proposta operativa, sulle prime pagine di un giornale, proprio in questo momento in cui tutta l’attenzione è canalizzata sulle scelte e le propagande politiche?
Ci sta bene sia passata la Legge sul Biotestamento, morire dignitosamente è già un grande passo, ma vivere dignitosamente non sarebbe meglio?
Assistiamo a continue corse per proclamare riduzione o abbassamenti delle tasse, che poi come di norma accade cambiano solo forma e prendono altro  nome. Ma se si garantissero più servizi, un’istruzione adeguata, la giusta integrazione sociale e lavorativa, il trasporto, i farmaci, le idonee figure di accompagnamento e assitenza a quanti davvero ne hanno bisogno – e sono oltre i 4 milioni in Italia i disabili – questo non varrebbe tutta la spesa pubblica?
Alle ultime elezioni regionali abbiamo assistito ad una sfilata di impresentabili, ci auguriamo queste ce ne garantiscano di presentabili e di rapprensentativi anche delle fasce più deboli, con l’auspicio che non rimangano soltanto un palcoscenico di offese reciproche, tornaconti personali, vane promesse, ma che possano rappresentare un punto di partenza per una politica inclusiva che, come al solito, non metta da parte sempre i più fragili.  

Dott. Rocco Di Lorenzo - Presidente ARIS e UnANPASS


L’ACCESSIBILITÀ E L’IMPEGNO DELL’ARIS

Pubblicato da in Editoriali ·
Tags: accessibilitànormativalineegiudaturismoaccessibilePalermocapitalecultura2018diasbilitàsensorialimotorieARISportataclickPanormuskitappprogetto
Premesso che l’accessibilità, la fruibilità e visitabilità di uno spazio, chiuso o aperto che sia, debbano essere garantite dal rispetto di ben presisi requisiti strutturali, definiti dalla normativa in materia....

SENZA BARRIERE SIAMO TUTTI UGUALI

Pubblicato da in Salute e Società ·
Tags: barriereinvisibiliaccessibilitàPalermoCapitalecultura2018difficoltàaccoglienza
Barriere invisibili sono quelle che attraversiamo senza accorgercene, così come non ci accorgiamo di una Palermo invisibile preclusa a chi si ferma davanti a quei gradini che abbiamo salito con facilità, a chi per passare....

Editore

UnAnpss Onlus


Redazione c/o ARIS

Via Ammiraglio Gravina, 53

90139, Palermo (PA)


Direttore Responsabile

Rocco Di Lorenzo


Redazione

Vincenzo Borruso, Rossella Catalano, Rosy Gugliotta, Davide Matranga



Registrazione n.4448/2011 del 07/12/2011


Articoli per mese

Sede Legale: Via Trabucco 180 - Palermo (A.O.O.R. Villa Sofia-Cervello)

Sede Operativa: Via Ammiraglio Gravina 53 - 90139 Palermo

C.F. 97187790825

Tel. 091 7782629/091 6802034

Email: unioneassociazionipa@gmail.com





Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu