alimentazione - Unione News - unione no profit società e salute news | unionenoprofit

Unione Associazione No Profit News

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

RACCOMANDAZIONI PER L'ESTATE

Pubblicato da in Salute e Società ·
Tags: consigliraccomandazionicaldosoleestatealimentazioneocchiprotetti
21 giugno e l’ingresso formale nella stagione estiva.
Tra sole, mare e voglia di riprendersi dalle fatiche di un intero anno spesso ci si distrae da tutti quei fattori che in realtà, se sottovalutati, sono grandi fattori di stress o problematiche future.
Alte temperature, umidità elevata e prolungata esposizione alle radiazioni solari vanno affrontate con una corretta alimentazione, con adeguate misure e protezioni; se trascurate possono causare una rapida disidratazione che mette a rischio il benessere fisico se non addirittura la salute.
1.   Il primo grande alleato è l’alimentazione.
È di fondamentale importanza seguire un’alimentazione equilibrata, che garantisca il giusto apporto di nutrienti: sono da privilegiare i cibi con maggiore contenuto di sali minerali, quindi verdure e frutta fresca di stagione, che garantiscono anche una maggiore assunzione di acqua, preferibilimente di colori diversi, per assumere tutti gli antiossidanti di cui organismo e pelle necessitano. Frutti come kiwi e ananas sono altamente raccomandati per purificare il corpo. Si deve fare attenzione però, le diete non devono essere completamente prive di grassi, in quanto questo provocherebbe disidratazione cutanea e invecchiamento precoce della pelle: quelli che, comunemente, vengono definiti buoni, si ritrovano nella frutta secca, nei semi e nel pesce. Al contrario è meglio evitare succhi di frutta industriali e bibite gassate, queste infatti contengono additivi per la conservazione, coloranti e molti, troppi zuccheri. Da limitare anche i frullati, inclusi quelli a base di frutta, anche questi contenenti abbondanti quantità di zuccheri di cui l’organismo non ha sempre bisogno. Decisamente accantonare alcolici e superalcolici che, oltre ad essere ipercalorici, aumentano la sensazione di calore e la sudorazione.
2.   Bere tanta acqua.
Bere regolarmente durante tutto l’arco della giornata assicura una corretta idratazione della pelle e l’eliminazione delle tossine dall’organismo. È consigliato bere tra un pasto e l’altro, perché durante la consumazione dei cibi i nutrienti in essi contenuti rischiano di diluirsi.
3.   Scegliamo  un’abbronzatura sicura.
L’estate è sinonimo di abbronzatura. Questo però non deve significare dimenticare quegli accorgimenti necessari a idratare e protegge la pelle nel modo migliore. Si deve prestare attenzione alle necessità di ciascun tipo di pelle, molte creme contengono sostanze chimiche che si aggiungono a quelle che già si accumulano in eccesso nella vita di tutti i giorni. Non è infatti detto che un fattore di protezione maggiore implichi una reale maggiore efficacia: potrebbe difatti legarsi ad un maggiore contenuto di sostanze chimiche che aumentano la capacità di esposizione solare. Inoltre nella maggior parte dei casi questo di riferisce ad una protezione esclusiva dai raggi UVB. Tendenzialmenete la classe di protezione (bassa, media, alta, molto alta) ha una maggiore validità del fattore. Inoltre, una crema che si applica male e che si toglie molto facilmente con l’acqua o col sudore non assicura una buona stabilità della protezione e la sostantività del prodotto, cioè la capacità di rimanere sulla pelle.
Ovviamente, sarrebbe meglio stare lontani dal sole tra le 10 e le 15: sono le ore più calde della giornata e anche le più dannose per la pelle. Ma è bene ricordare che i raggi UVA, quelli più pericolosi, sono presenti lungo tutta la giornata, sono i raggi UVB a raggiungere il picco massimo intorno a mezzogiorno. E poi i raggi UV sono sempre presenti, anche a giugno o settembre, quando si pensa di essere al riparo solo perché la temperatura è più bassa.
4.   Due must: cappello e indumenti protettivi.
Esposizioni sbagliate e frequenti scottature sono fattori di rischio per la formazione di tumori della pelle. Proprio per questo l’abbigliamento è un elemento da scegliere con cura. Esistono ormai numerosi indumenti e prodotti di lavaggio che contengono filtri UV, ma si deve sapere che non tutti i tessuti offrono lo stesso grado di protezione.  Si consiglia l’uso di vestiti ampi e di colore scuro che proteggono meglio dei vestiti aderenti e di colore chiaro. Le fibre sintetiche inoltre sembrano filtrare meglio i raggi UV che non le fibre naturali come il cotone e il lino. Ricordiamoci anche che un tessuto bagnato offre minor protezione del tessuto asciutto, a causa della deformazione del tessuto, nonché delle proprietà rifrattive proprie dell’acqua.
La pelle del viso, inoltre, risentirebbe positivamente dell’uso di un cappello e dei benefici di un’ombra protettiva contro il calore del sole.
5.   Anche gli occchi vanno protetti!
anche gli occhi possono essere danneggiati dall'esposizione ai raggi UVA, UVB e luce blu. In particolare, l'eccesso di UV e luce blu danneggia parte del cristallino riducendone la trasparenza e provocando danni che possono aggravarsi con l'età. Anche il riverbero (riflesso di luce abbagliante) è un altro elemento da cui difendere i nostri occhi specie se sono chiari.  Quindi gli occhiali da sole sono utili per proteggere la zona delicata del contorno occhi, che invecchia facilmente, ma soprattutto gli occhi stessi, altrimenti predisposti allo sviluoppo di cataratta e altre patologie oftalmiche a breve e a lungo termine come cheratite, secchezza oculare, degenerazione maculare. Stare all'ombra, dunque, non basta a proteggere gli occhi perché i raggi Uv vengono riflessi dal mare, dalla sabbia e da altre superfici. Per questo gli occhiali da sole sono fondamentali, purché abbiano determinati requisiti. Proprio come le creme solari, infatti anche gli occhiali devono avere un filtro per gli UV. Per avere maggiori garanzie di qualità e sicurezza, è meglio acquistarli presso negozi specializzati, scegliendo occhiali certificati in base alle direttive della Comunità Europea. NB: gli occhiali a norma sono riconoscibili dal marchio CE, che significa a norma della Comunità europea, da non confondere con il marchio China Export, trucco usato per importare occhiali non a norma"; la differenza è nella sola distanza tra le lettere C ed E: nel caso del marchio europeo, la distanza tra la C e la E è pari alla larghezza della C stessa; nel caso del marchio cinese le due lettere si trovano quasi attaccate tra di loro, senza frapposizione di spazio.
Ad oggi esistono occhiali da montagna che hanno una grande capacità di protezione dall'Uv e dall'ultravioletto; le lenti alla melanina proteggono anche dalla luce blu; quelle polarizzate, che sono particolarmente indicate in condizioni di luce abbagliante o comunque di elevata illuminazione perché filtrano i riflessi, lasciano passare la luce in maniera selettiva e sono quindi molto indicate per chi guida e chi pratica sport. Anche il colore cambia in base al tipo di problema: per i miopi, meglio scegliere il marrone, per gli ipermetropi sono più consigliate lenti di colore verde-grigio.
E le lenti a contatto?? Di certo è possibile utilizzarle anche in vacanza, seguendo però semplici regole per evitare infiammazioni e infezioni. È buona abitudine utilizzarle per meno ore rispetto al solito, in modo da far riposare anche gli occhi. Per prevenire le infezioni, inoltre, sarebbe meglio acquistare Lac monouso a ricambio giornaliero. Esistono anche nuove tipologie di lenti a contatto da sole con un'ampia copertura anche dei raggi ultravioletti. Non bisogna scordare però che le lenti con protezione UV non proteggono l'intero occhio, ma solo la cornea; dunque, è sempre consigliato associarle ad occhiali da sole e, in acqua, agli occhialini da nuoto.
6. E non dimentichiamoci di...
  • evitare di mettere il profumo al sole: gli agenti contenuti nel profumo possono macchiare la pelle in modo permanente quando reagiscono con i raggi solari;
  • sciacquare la pelle dopo una nuotata, soprattutto in piscina che contiene cloro;
  • usare tanta crema idratante che “disseta” la pelle;
  • non fumare

Dott.ssa Rosy Gugliotta


LOVE PROJECT. UN BEN-ESSERE 100% SICILIANO

Pubblicato da in Salute e Società ·
Tags: ciboalimentazionesiciliasicilianosano
Presentiamo con grande piacere un progetto, frutto di impegno, lavoro e intenti condivisi, che parte dall’intreccio di esperienze e che vuole contribuire ad accrescere il senso dell’interculturalità, della solidarietà....

#VIVI DA FUORI CLASSE!

Pubblicato da in Eventi ·
Tags: liltpreveniamoinmovimentopalermoparcodellasalutesportsanaalimentazione
In occasione della XVI edizione della Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica, la LILT- Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori di Palermo, ha organizzato l’evento dal titolo “Preveniamo in movimento”....

LA BUONA ALIMENTAZIONE ALLUNGA LA VISTA

Pubblicato da in Salute e Società ·
Tags: alimentazionemangiaresanonutrizionedietaocchivista
Il filosofo Feuerbach riteneva che “Noi siamo quello che mangiamo”. Nell’era della globalizzazione questa certezza sembra sia venuta meno. Sono aumentate le produzioni alimentari, riusciamo a sfamare ¾ del pianeta con le nostre derrate alimentari....

DIABETE: RICONOSCERLO PER PREVENIRLO

Pubblicato da in Salute e Società ·
Tags: diabetetipo1tipo2glicemiainsulinaalimentazionezuccheri
Celebrata il 14 Novembre, la Giornata Mondiale del Diabete è un’iniziativa di sensibilizzazione voluta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dalla Federazione Internazionale dei Diabetici....

Editore

UnAnpss Onlus


Redazione c/o ARIS

Via Ammiraglio Gravina, 53

90139, Palermo (PA)


Direttore Responsabile

Rocco Di Lorenzo


Redazione

Vincenzo Borruso, Rossella Catalano, Rosy Gugliotta, Davide Matranga



Registrazione n.4448/2011 del 07/12/2011


Articoli per mese

Sede Legale: Via Trabucco 180 - Palermo (A.O.O.R. Villa Sofia-Cervello)

Sede Operativa: Via Ammiraglio Gravina 53 - 90139 Palermo

C.F. 97187790825

Tel. 091 7782629/091 6802034

Email: unioneassociazionipa@gmail.com





Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu