L’INGARBUGLIATA MATASSA DELLA SANITÀ SICILIANA - Unione News - unione no profit società e salute news | unionenoprofit

Unione Associazione No Profit News

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

L’INGARBUGLIATA MATASSA DELLA SANITÀ SICILIANA

Pubblicato da in Salute e Società ·
Tags: sanitàsiciliana
Assistiamo perplessi al proliferare mediatico di notizie, dichiarazioni, attacchi dai partiti, indiscrezioni, smentite, pareri dell’esperto, pacifiche e opportunistiche alleanze in nome di una inviolabile “Dea Poltrona”… vittima della bufera politica che viviamo da ormai troppo tempo è Lei, la Nostra Sanità, e a pagarne le conseguenze siamo noi, noi cittadini, noi detentori del “fondamentale” diritto alla salute (sacrosanto almeno sulla carta), noi spettatori inermi di fronte al solito caos ad I.G.T. sicula.
Si è svolto lo scorso 20 settembre presso Palazzo d’Orleans un vertice di maggioranza riunito «per affrontare le problematiche relative alla bozza di piano della rete sanitaria siciliana» e che, stante alle notizie di giorni addietro, pareva essere tutt’altro che una bozza. Presenti all’appello l’On. Presidente Rosario Crocetta, l’Ass. alla Salute Baldo Gucciardi, i segretari e i capigruppo all’Ars di Pd, Udc, Ncd, Pdr e Sicilia democratica. In seno all’incontro si è chiarito che il tanto additato piano di riordino della rete ospedaliera non è un documento programmatico definitivo, né in via di approvazione, ma andrà rivisitato attraverso un confronto con sindaci, manager, operatori sanitari, sindacati dei lavoratori, categorie professionali e Parlamento. Si tratterebbe dunque di una base di discussione che dovrà essere migliorata con l'apporto delle comunità locali.
Tra gli elementi che avevano allarmato l’opinione pubblica c’era la questione dei tagli di pronto soccorso, la riduzione di posti letto in alcuni ospedali (110 posti letto in meno al Policlinico di Palermo, oltre 150 cancellati al Policlinico di Catania) e la chiusura di reparti (noto il caso del “Giglio” di Cefalù trasformato in un semplice ospedale di base, senza specialistiche, con la chiusura del reparto di neurologia, urologia, oncologia, emodinamica e chirurgia vascolare). Un piano organizzato sul modello 'hub' e 'spoke' tra dipartimenti emergenza e accettazione, ospedali di base, ospedali di zona disagiata e di comunità, legato al sistema dell'emergenza territoriale del 118.
La nuova rete ospedaliera comporterebbe una riduzione di unità operative in tutto il territorio siciliano, finalizzata ad una distribuzione omogenea ed all’eliminazione di doppioni e quindi sprechi.
Amari i toni del presidente dell’Ordine dei Medici. «C'è una questione meridionale mai risolta... Siamo arrivati solo alla guerra dei poveri». Così cita il quotidiano Repubblica di Palermo riportando le parole del Dott. Salvatore Amato: «Dopo avere assecondato per anni interessi clientelari azzerando ogni controllo sulla spesa e utilizzando la sanità il più delle volte per scopi elettorali e di consenso, la nuova rete ospedaliera evidenzia nei fatti il fallimento della gestione nei servizi e delle risorse disponibili, eludendo l'adozione di scelte chiare e forti nella programmazione socio-sanitaria e nel riordino della stessa rete. Una situazione che ha schiacciato e compromesso le strutture sanitarie portandole al collasso operativo in termini di servizi e di occupazione».
Nell’attesa che si sbrogli la matassa, l’auspicio più forte è che gli addetti ai lavori non perdano di vista l’obiettivo principe, non solo dunque far quadrare i conti e il fondo cassa regionale, ma garantire l’assistenza e soprattutto farlo secondo elevati standard qualitativi e riducendo il fenomeno di una tutela della salute a misura di portafogli o lontano dalla nostra isola.

Sara Giordanella - Psicologa ARIS


Editore

UnAnpss Onlus


Redazione c/o ARIS

Via Ammiraglio Gravina, 53

90139, Palermo (PA)


Direttore Responsabile

Rocco Di Lorenzo


Redazione

Vincenzo Borruso, Rossella Catalano, Rosy Gugliotta, Davide Matranga



Registrazione n.4448/2011 del 07/12/2011


Articoli per mese

Sede Legale: Via Trabucco 180 - Palermo (A.O.O.R. Villa Sofia-Cervello)

Sede Operativa: Via Ammiraglio Gravina 53 - 90139 Palermo

C.F. 97187790825

Tel. 091 7782629/091 6802034

Email: unioneassociazionipa@gmail.com





Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu