MACULOPATIA UMIDA E OSTEOPOROSI: L’AZIONE DEI BIFOSFONATI ORALI - Unione News - unione no profit società e salute news | unionenoprofit

Unione Associazione No Profit News

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

MACULOPATIA UMIDA E OSTEOPOROSI: L’AZIONE DEI BIFOSFONATI ORALI

Pubblicato da in Salute e Società ·
Tags: osteoporosimaculopatiadegenerazionemaculareumida
L’osteoporosi costituisce un importante problema di Sanità Pubblica, essendo la principale causa delle fratture legate all’età.
É difficile stimare l’esatta prevalenza dell’osteoporosi a causa delle differenze di genere, razza e criteri diagnostici. Si stima che circa 200 milioni di persone nel mondo ne siano colpite. La prevalenza dell’osteoporosi nelle donne in postmenopausa cresce progressivamente con l’avanzare dell’età: si passa dal 9-38 % delle donne di età superiore ai 50 anni nei paesi sviluppati vs l'1-8 % degli uomini nella stessa fascia di età. Questa differenza è data in gran parte dal calo dei dei livelli di estrogeni dopo la menopausa, che a sua volta si lega ad un aumento del riassorbimento osseo. Altri fattori di rischio sono l'età, l’indice di massa corporea, il fumo e l'uso di glucocorticoidi, ormoni steroidei spesso presenti nei medicinali contro le infiammazioni, le allergie e nelle terapie antirigetto.
Dato che l'osteoporosi non può essere curata, una notevole enfasi è posta sulla prevenzione. Un adeguato apporto giornaliero di calcio (1200 mg) e vitamina D (800-1000 UI), esercizio fisico regolare, e il mantenimento di una dieta e di un buon peso forma possono contribuire a mantenere le ossa sane.
I bifosfonati sono la classe più diffusa di farmaci utilizzati nella cura e prevenzione dell'osteoporosi, con una stima di 15 milioni di prescrizioni di bifosfonati orali dispensate ogni anno negli Stati Uniti.
Questi farmaci rallentano la perdita di massa ossea. Le complicazioni più frequenti sono rappresentati da disturbi gastrointestinali, come nausea, dispepsia e dolori addominali. In rari casi, i pazienti possono sviluppare osteonecrosi della mandibola.
Recenti studi scientifici hanno concluso che l'uso di bifosfonati orali è associato ad un elevato rischio di sviluppare una Degenerazione Maculare Senile di tipo umido.
Se successivi studi scientifici convalideranno il legame tra l'uso dei bisfosfonati e l’AMD umida, questo potrebbe essere spiegato dall'attività infiammatoria degli stessi, così come già avanzato in diverse ricerche: in particolare, essi iniziano una cascata infiammatoria attivando i linfociti T e up regulation di marcatori sistemici di infiammazione, come la proteina C-reattiva, l'interleuchina-6, e l'interleuchina-8. Le conseguenze oculari di questa attività infiammatoria sono stati documentati, compresi le condizioni di infiammazione orbitale, sclerite e uveite. In molti casi, i sintomi oculari si presentato entro pochi giorni dall'inizio della terapia con bifosfonati e scomapiono al momento della sospensione del farmaco. Tuttavia, questi eventi sono rari, e non è chiaro se la relazione è causale.
Ma anche se da un lato i bifosfonati avessero effetti che potrebbero spiegare l'insorgenza  di AMD, dall’altro sono anche state dimostrate proprietà anti-angiogenetiche che potrebbero contrastare la neovascolarizzazione associata a Maculopatia umida.
È dunque evidente che ulteriori ricerche e studi scientifici sono necessari per chiarire il ruolo dei bifosfonati orali nell'insorgenza e nello sviluppo di AMD umida.

 
Antonino Pioppo - Primario U.O. Oculistica A.O.O.R. “Villa Sofia-Cervello”
Gregorio Lo Giudice - Medico Oculista


Editore

UnAnpss Onlus


Redazione c/o ARIS

Via Ammiraglio Gravina, 53

90139, Palermo (PA)


Direttore Responsabile

Rocco Di Lorenzo


Redazione

Vincenzo Borruso, Rossella Catalano, Rosy Gugliotta, Davide Matranga



Registrazione n.4448/2011 del 07/12/2011


Articoli per mese

Sede Legale: Via Trabucco 180 - Palermo (A.O.O.R. Villa Sofia-Cervello)

Sede Operativa: Via Ammiraglio Gravina 53 - 90139 Palermo

C.F. 97187790825

Tel. 091 7782629/091 6802034

Email: unioneassociazionipa@gmail.com





Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu